Storie 17 Dic 2018

Lasciti solidali, la scelta di Bruna

Capovolgere la clessidra della vita e far ripartire il tempo, lasciando un segno positivo, duraturo e importante per il futuro di tutti, soprattutto dei giovani. In questo consiste la scelta della signora Bruna Piconi, che ha voluto destinare una parte del proprio patrimonio all’Università Campus Bio-Medico di Roma per sostenere le attività d’insegnamento, di ricerca e di assistenza dell’Ateneo.

Di lei raccontano i nipoti, ai quali non avendo figli era molto legata: “La cara zia Bruna era una persona molto affettuosa, seria e moralmente rigorosa. Stimatissima e apprezzata sul lavoro […] non era sposata, per questo era particolarmente legata alla famiglia delle cugine con le quali era cresciuta. […] Si è dedicata totalmente ai suoi cari, assistendo fino all’ultimo i fratelli durante la loro malattia e la mamma ultracentenaria, deceduta poco prima di lei alla ragguardevole età di 107 anni! A dire il vero l’intera esistenza di Bruna è stata segnata da una grandissima sensibilità verso il prossimo, da una costante disponibilità a sostenere gli altri nelle difficoltà”.

Per questo il lascito a favore dell’Università Campus Bio-Medico – il secondo in assoluto ricevuto dall’Ateneo – dà la dimensione della sua profonda umanità e “trasmette il senso delle sue ultime volontà, una conclusiva dimostrazione di profondi valori cristiani e umani e una sollecitazione a seguire questo esempio di altruismo”.

“L’atto del ‘lasciare’ – ha commentato il Presidente Ucbm Felice Barela – è un gesto di generosità coerente con la nostra missione. Il nostro impegno di ogni giorno, come quello della signora Piconi, è garantire prospettive di vita migliori all’intera collettività, prendendoci cura dell’essere umano in ogni ambito che lo riguarda”

Resta in contatto