Storie 15 Ott 2019

Combattere la depressione, ricordando Antonio

Continua l’impegno dell’Associazione Antonio Danile a fianco dei nostri ricercatori, per sperimentare finalmente cure più efficaci contro il “male del secolo”.

Antonio Danile era un brillante avvocato di Mariano Comense che, dopo aver combattuto contro la depressione per 25 anni, ha perso la vita a causa di questo male un venerdì dello scorso anno. Un’esistenza la sua che non si è conclusa, ma trasformata in un nuovo inizio per 7,5 milioni di malati in Italia.

L’Associazione Antonio Danile è nata lo scorso mese di maggio in Brianza, “non per solidarietà, ma per egoismo”. A volerla, la madre di Antonio, Carolina Manzella, e il fratello Francesco: “Volevamo riprenderci una rivincita nei confronti della malattia”, spiega quest’ultimo. Due gli scopi dell’associazione: rompere il silenzio sulla depressione, informando la popolazione, e raccogliere fondi per la ricerca scientifica.

Due obiettivi già centrati grazie a numerose iniziative. L’ultima, lo scorso venerdì 11 ottobre allo Sporting Club di Monza, ha sensibilizzato i tanti partecipanti a una serata che ha permesso di donare 13 mila euro alla ricerca contro la depressione.

Una nuova cura per i malati di depressione

I fondi raccolti nel corso della cena solidale – introdotta dal Direttore Clinico del nostro Policlinico Universitario, Rossana Alloni – sosterranno in particolare la sperimentazione dell’elettrostimolazione per modulare la funzione celebrale, inizialmente a favore delle donne con depressione post parto. Come ha spiegato infatti il prof. Vincenzo Di Lazzaro, direttore dell’UOC di Neurologia, La stimolazione transcranica magnetica ripetitiva non è una tecnica nuova, essendo stata introdotta negli anni ’90 nello studio di malattie come il Parkinson. Tuttavia, nonostante l’appello dei neurologi, non è ancora accessibile ai malati di depressione: i costi per i pazienti sono proibitivi e non esiste un protocollo definito.

Un progetto presentato alla Camera dei Deputati

Un progetto, quello della nostra UOC di Neurologia, la cui prima parte era già stata finanziata proprio dalla famiglia Danile. Ed erano stati sempre i familiari di Antonio a presentarlo alla Camera dei Deputati, insieme ai nostri neurologi. Ora, a distanza di alcuni mesi, questo nuovo evento segna un ulteriore, importante tassello nella battaglia contro la depressione. Una lotta che l’Associazione Antonio Danile sogna di vincere anche attraverso “campagne di sensibilizzazione e un numero verde dedicato ai familiari dei pazienti depressi”.

Intanto, lo sketch di Germano Lanzoni, in arte “il signor Imbruttito”, ha saputo far sorridere i tanti generosi ospiti della serata: “La comicità è un antidepressivo naturale. Ce l’abbiamo tutti inside”. E chissà che il prossimo anno, durante lo stesso evento, non sia invece il prof. Di Lazzaro a portare belle notizie, magari annunciando finalmente l’accessibilità della nuova cura.

 

Sostieni la Ricerca contro la depressione

Resta in contatto